google51ea637e21d58f98.html

Enoteca Liquoreria VINICOLA ROTONDI fondata a Milano nel 1939

Cerca

Vai ai contenuti

Single malt scotch whisky - Blended - Irish - Bourbon - Canadian - Rye - Japanese whisky

Catalogo:

SINGLE MALT SCOTCH whisky
SINGLE GRAIN SCOTCH whisky
BLENDED SCOTCH whisky

IRISH whiskey
BOURBON whiskey
RYE whiskey
CANADIAN whiskey
JAPANESE whisky


Mappa delle distillerie scozzesi

Conoscere lo scotch whisky



Le regioni e le distillerie della Scozia
[ scheda]

Come nasce lo scotch whisky
[prossima pubblicazone]

Degustare un Single Malt scotch whisky
[prossima pubblicazione ]



INFO e ACQUISTI Scotch Whisky


Per INFO
clicca qui

Per ORDINARE
clicca qui


I Single Malt Scotch Whisky

Il single malt è il più antico distillato prodotto in Scozia, la sua data di nascita ufficiale è l'8 Agosto 1494, mentre il documento più datato che parla di whisky si riferisce a una partita d'orzo consegnata a frate John Cor per produrre acquavite. La parola latina "aqua vitae" venne tradotta in gaelico "uisge beatha" arrivando poi per deformazione fonetica all'odierna parola "whisky".
I single malt scotch whisky sono prodotti esclusivamente da orzo maltato proveniente da una sola distilleria, senza essere miscelato ad altri whisky. Ogni distilleria vanta il suo stile che dipende dagli ingredienti utilizzati, dalle tecniche di produzione ed invecchiamento, ed ogni single malt è caratterizzato da note di gusto predominanti che dipendono dalla regione scozzese di provenienza (vedi specifica nei riquadro successivo).


I single malt scotch whisky hanno sapori e aromi diversi a seconda della Regione scozzese di provenienza.
Per sapere dove nascono i Single Malts e quali gusti hanno clicca qui o sui riquadri sottostanti



-

HIGHLANDS

  • Aberfeldy 12 anni - cl.70 - 40°gradi
  • Aberfeldy 21 anni - cl.70 - 40°gradi
  • AnCnoc - Distillery Knockdhu - 16 anni - Non chill filtered - Invecchiato in botti di Bourbon - cl.70 - 46° gradi (astucciato)
  • Arran - Sherry Single Cask 1998 - cl. 70 - 52,4° gradi
  • Arran - Bourbon Single Cask - 1999 Limited Edition (Bottiglia numerata con data distillazione) - cl. 70 - 55° gradi
  • Ardmore - cl.70 - 40°gradi
  • Benriach 10 anni - Single Pure Highland Malt - cl. 70 - 43° gradi
  • Clynelish - Marsala Finish - Selezione Wilson & Morgan - cl. 70 - 48° gradi - scheda
  • Dalmore 12 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Dalmore 12 anni - "The Black Isle" - litro 1 - 40° gradi
  • Dalmore 30 anni - cl. 70 - 42° gradi
  • Glen Dronach "Double Wood" 12 anni - Double Cask matured in Sherry Wood & Oak Barrels - cl. 70 - 40° gradi
  • Glen Dronach "Sauternes Finish" 14 anni - Non filtrato, Natural color - cl. 70 - 46° gradi (astucciato)
  • Glenfarclas 10 anni - Single Pure Highland Malt - cl. 70 - 40° gradi
  • Glenfarclas 12 anni - Single Pure Highland Malt (litro formato Export) - lt.1 - 40° gradi
  • Glenfarclas 15 anni - Single Pure Highland Malt - cl. 70 - 46° gradi
  • Glenfarclas 21 anni - Single Pure Highland Malt - cl. 70 - 43° gradi
  • Glenfarclas 105 Cask Strenght - Grado Pieno 60 gradi - cl.70 - 40° gradi
  • Glengoyne 10 anni - Natural Color - cl. 70 - 40° gradi (astucciato)
  • Glengoyne 15 anni - Natural Color - cl. 70 - 43° gradi (astucciato)
  • Glengoyne 18 anni - Natural Color - cl.70 - 43° gradi (astucciato)
  • Glengoyne 21 anni - Natural Color - cl.70 - 43° gradi (astucciato)
  • Glengoyne Cask Strenght - Natural Color - cl.70 - 58,8° (astucciato)
  • Glenmorangie 10 anni - cl. 70 - 43° gradi (astucciato in metal box)
  • Glenmorangie 10 anni - Export - litro 1 - 43° gradi
  • Glenmorangie 15 anni - cl. 70 - 43° gradi
  • Glenmorangie 18 anni - cl. 70 - 43° gradi
  • Glenmorangie invecchiato in botti di Porto - litro 1 - 43° gradi
  • Glenmorangie invecchiato in botti di Sherry - litro 1 - 43° gradi
  • Longmorn 16 anni - cl. 70 - 45° gradi
  • Macallan 10 anni - Fine Oak - cl. 70 - 40° gradi
  • Macallan 10 anni - Grado Pieno - litro 1 - 58,6° gradi
  • Macallan 12 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Macallan 18 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Macduff 1997/2013 Sherry Wood Limited Edition - Selezione Wilson&Morgan (btg.numerata) - cl. 70 - 48° gradi
  • Oban 14 anni Single Pure Higland Malt - cl. 70 - 43° gradi
  • Strathisla Single Pure Higland Malt 12 anni - cl.70 - 43° gradi


ISLANDS - Islay, Arran, Isle of Orkney, Jura, Mull, Skye, Campbeltown

  • Ardbeg Ten 10 anni - litro 1 - 46° gradi - Provenienza Islay
  • Ardbeg Ten 10 anni - cl. 70 - 46° gradi - Provenienza Islay
  • Ardbeg Ten Airigh Nam Beist 1990 - cl.70 46° - gradi - Provenienza Islay
  • Ardbeg Ten Corryvreckan - cl. 70 - 57,10° gradi - Provenienza Islay
  • Ardbeg Ten Blasda - cl. 70 - 40° gradi - Provenienza Islay
  • Arran 1998 Sherry Single Cask - cl. 70 - 52,40° gradi - Provenienza Arran
  • Arran 1999 Bourbon Single Cask Limited Edition (Btg.numerata con data distillazione) - cl. 70 - 55° gradi - Provenienza Arran
  • Bunnahabhain 12 anni - cl.70 - 40° gradi - Provenienza Islay
  • Bunnahabhain 23 anni Affinato in botti di sherry Limited Edition - Selez.Wilson & Morgan - cl.70 - 47,70° gradi - Provenienza Islay
  • Bunnahabhain 38 anni Sherry Wood (cassa lg.) - Sel. Wilson&Morgan - cl. 70 - 41,20° gradi - Provenienza Islay (scheda)
  • Bunnahabhain 22 anni (cassa legno) - Sel. Wilson&Morgan - 20 & Older - cl. 70 - 46,70° gradi - Provenienza Islay - ( scheda)
  • Bunnahabhain Heavy Peat - cl.70 - 46 gradi - Provenienza Islay - (astucciato) - ( scheda)
  • Bunnahabhain Sherry Wood - cl. 70 - 46° gradi - Provenienza Islay - (astucciato) - ( scheda)
  • Bowmore 12 anni - cl. 70 - 40° gradi - Provenienza Islay
  • Bowmore 15 anni Darkest - cl.70 - 43° gradi - Provenienza Islay
  • Bowmore Black Rock - litro 1 - 40° gradi - Provenienza Islay
  • Bowmore Gold Reef - litro 1 - 40° gradi - Provenienza Islay
  • Bowmore 15 anni - litro 1 - 40° gradi - Provenienza Islay
  • Bowmore 16 anni Natural Cask Streght - Lim. Edition Matured Port Barrels - cl. 70 - 53,10° gradi - Provenienza Islay - ( scheda)
  • Bowmore Small Batch - cl. 70 - 40° gradi - Provenienza Islay
  • Bruichladdich Port Charlotte The peat project - Non chill filtered - Natural color - cl. 70 - 46° gradi - Provenienza Islay
  • Bruichladdich Port Charlotte 10 anni Heavily Peated - cl. 70 - 46° gradi - Provenienza Islay
  • Bruichladdich 10anni The Laddie 10 - cl. 70 - 46° gradi - Provenienza Islay
  • Bruichladdich 16 anni The Laddie 16 - Unpeated/Non chill filtered/Natural color - cl. 70 - 46° gradi - Provenienza Islay
  • Bruichladdich 22 anni The Laddie 22 - Unpeated/Non chill filtered/Natural color - cl. 70 - 46° gradi - Provenienza Islay
  • Bruichladdich 12 anni - Non chill filtered - Natural color - cl. 70 - 46° gradi - Provenienza Islay
  • Bruichladdich 15 anni Torrey Pines - cl. 70 - 46° gradi - Provenienza Islay
  • Caol Ila 12 anni - cl. 70 - 43° gradi - Provenienza Islay
  • Caol Ila Natural Cask Strenght (grado pieno) - cl. 70 - 59,3° gradi - Provenienza Islay
  • Caol Ila 18 anni - cl. 70 - 43° gradi - Provenienza Islay
  • Caol Ila 20th Anniversary Limited Edition - Sel. Wilson & Morgan - cl.70 - 48,50° gradi - Provenienza Islay - ( scheda)
  • Caol Ila 27 anni (cassa legno) - Sel. Wilson&Morgan - Ed. Collector's - cl. 70 - 53,20° gradi - Provenienza Islay - ( scheda)
  • Highland Park 18 anni - cl. 70 - 40° gradi - Provenienza Orkney
  • Highland Park 12 anni - cl. 70 - 40° gradi - Provenienza Orkney
  • House Malt 5 anni - Wilson & Morgan Barrel Selection - bottiglia numerata - cl. 70 - 43° gradi - Provenienza Islay - ( scheda)
  • Islay Mist Peated Reserve - cl.70 - 40° gradi - Provenienza Islay
  • Isle of Jura 10 anni - cl. 70 - 40° gradi - Provenienza Isle Jura
  • Isle of Jura 16 anni - cl. 70 - 40° gradi - Provenienza Isle Jura
  • Isle of Jura 21 anni - cl. 70 - 40° gradi - Provenienza Isle Jura
  • Isle of Jura "Superstition" - Formato Export - cl. 70 - 45° gradi - Provenienza Isle Jura
  • Lagavulin 16 anni - cl.70 - 43° gradi - Provenienza Islay
  • Laphroaig 10 anni - cl. 70 - 43° gradi - Provenienza Islay
  • Laphroaig 10 anni - litro 1 - 43° gradi - Provenienza Islay
  • Laphroaig Quatercask - cl. 70 - 43° gradi - Provenienza Islay
  • Laphroaig 18 anni - cl. 70 - 43° gradi - Provenienza Islay
  • Laphroaig 21 anni - Selezione Wilson & Morgan (cassa legno) - cl.70 - 48° gradi - Provenienza Islay - (scheda)
  • Port Ellen 32 anni - 13ma Release - cl.70 - 55° gradi - Provenienza Islay
  • Scapa 16 anni - cl. 70 - 40° gradi - Provenienza Orkney
  • Smokehead Single Malt (confezione in latta) - cl.70 - 43° gradi - Provenienza Islay
  • Talisker Skye - cl.70 - 45,80° gradi - Provenienza Isle Skye
  • Talisker 10 anni - cl. 70 - 45,80° gradi - Provenienza Isle Skye
  • Talisker 18 anni - cl. 70 - 45,80° gradi - Provenienza Isle Skye
  • Talisker Storm - cl.70 - 45,80° gradi - Provenienza Isle Skye
  • Talisker Port Ruighe - cl.70 - 45,80° gradi - Provenienza Isle Skye
  • Tobermory 10 anni - cl. 70 - 40° gradi - Provenienza Isle Mull
  • Tobermory 20 anni - cl.70 -50° gradi - affinato in botti di sherry oloroso - Selez.Wilson & Morgan - Limited Edition-Proven.Isle Mull


CAMPBELLTOWN

  • Springbank 10 anni - cl.70 - 46° gradi - Provenienza Campbelltown



LOWLANDS

  • Auchentoshan 12 anni - lt.1 - 43° gradi - scheda
  • Auchentoshan 18 anni - Oloroso sherry matured - Limited Edition - cl. 70 - 46° gradi - scheda
  • Bladnoch 20 anni Lowland Single Malt - The most southerly Distillery in Scotland - cl. 70 - 46° gradi
  • Glenkinchie 12 anni - cl. 70 - 43° gradi



SPEYSIDE

  • Aberlour 18 anni - cl.70 - 40° gradi
  • Aberlour 15 anni Double Cask Matured - litro 1 - 40° gradi
  • Aberlour 10 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Aultmore 12 anni - cl.70 - 46°gradi
  • Aultmore 25 anni - cl.70 - 46°gradi
  • Balvennie 12 anni Doublewood - cl. 70 - 43° gradi
  • Cardhu 18 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Cardhu 12 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Cragganmore 12 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Dalwinnie 15 anni - cl. 70 - 43° gradi
  • Glen Elgin 20 anni M.F. (cassa legno) - Selezione Wilson & Morgan Twenties & Older - cl.70 - 50° gradi - ( scheda)
  • Glen Grant 10 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Glenfiddich 12 anni - litro 1 - 43° gradi
  • Glenfiddich 15 anni Solera - cl. 70 - 40° gradi
  • Glenfiddich 18 anni - cl.70 - 40° gradi
  • Glenlivet 12 anni - litro 1 - 40° gradi
  • Glenlivet 18 anni - litro 1 - 43° gradi
  • Glenrothes Marsala Finish - Selezione Wilson & Morgan - cl. 70 - 46° gradi - ( scheda)
  • Linkwood 10 anni - Selezione Dun Bheagan - cl. 70 - 43° gradi
  • Linkwood Sherry Wood - Selezione Wilson & Morgan - cl.70 - 48° gradi - ( scheda)
  • Knockando 12 anni - cl.70 - 43° gradi
  • Tomintoul 10 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Tomintoul 16 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Tomintoul 27 anni - cl. 70 - 40° gradi




Single Grain Scotch Whisky


I single grain scotch whisky sono ottenuti dal grano e vengono distillati con un sistema di distillazione continua a colonna. Le selezioni migliori sono invecchiate ed affinate per decenni, fino a diventare eccellenti whisky che nulla hanno da invidiare ai migliori single malts.:


  • Cameronbridge - Selez. The Sovereign - 23anni (1990/2013) - One single Cask - cl.70 - 59,20° gradi
  • Port Dundas - Selezione The Sovereign - 35anni (1978/2013) - One single Cask - cl.70 - 59,10° gradi
  • North British Lowland - Selezione The Sovereign - 50anni (1962/2013) - One single Cask - cl.70 - 57,20° gradi



Blended Scotch Whisky

I blended scotch whisky sono ottenuti dalla combinazione di più whisky di malto provenienti da diverse distillerie oppure dalla combinazione di whisky di malto e di grano:


  • Ballantines 12 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Ballantines Black - Selected Malts - cl. 70 - 40° gradi
  • Chivas Regal De Danu - litro 1 - 40° gradi
  • Chivas Regal 12 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Chivas Regal 12 anni - litro 1 - 40° gradi
  • Chivas Regal 18 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Chivas Royal Salut 21 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Clan Mc Alpine Fine Rare Blended - litro 1 - 40° gradi
  • Dimple 15 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Islay Mist Peated Reserve Macduff - cl.70 - 40° gradi
  • Hunting Lodge 12 anni Matured in oak casks - cl. 70 - 40° gradi
  • Johnnie Walker Red Label - Originale Export - litro 1 - 40° gradi
  • Johnnie Walker Black Label 12 anni - cl.70 - 40° gradi
  • Johnnie Walker Gold Label Reserve Limited Edition - cl. 70 - 40° gradi
  • Johnnie Walker Green Label 15 anni - cl. 70 - 43° gradi
  • Johnnie Walker Platinum Label 18 anni - cl. 70 - 40° gradi
  • Johnnie Walker Blue Label oltre 25 anni (in elegante cofanetto) - litro 1 - 40° gradi
  • Monkey Shoulder - cl.70 - 40° gradi



Selezione Johnnie Walker scotch whisky
il blended scozzese più venduto nel mondo

Jameson's Distillery


Irish Whiskey


Gli Irish whisky sono distillati di provenienza irlandese:


  • Bushmills Irish Whiskey - cl.70 - 40° gradi
  • Bushmills Irish Whiskey - litro 1 - 40° gradi
  • Bushmills Irish Whiskey Black Bush - cl. 70 - 40° gradi
  • Bushmills Irish Whiskey Single Malt 10 anni - cl.70 - 40°
  • Connemara Irish Whiskey - cl.70 - 40° gradi
  • Greenore 18 anni - cl,70 - 40° gradi
  • Jameson Irish Whiskey - cl. 70 - 40° gradi
  • Jameson Irish Whiskey - litro 1 - 40° gradi
  • Jameson Irish Whiskey 12 anni - cl. 70 40° gradi
  • Paddy Irish Whiskey - litro 1 - 40° gradi
  • Teeling Irish Whiskey Small Batch (non filtrato) - cl.70 - 46° gradi
  • Tullamore Dew 12 anni Irish Whiskey - cl.70 - 40° gradi
  • Tullamore Dew Irish Whiskey - cl.70 - 40° gradi



Bourbon Jack Daniel's Riserva Frank Sinatra


Bourbons & Rye Whisky
Distillati provenienti da Stati Uniti e Canada.



  • Bulleit Kentucky Straight Bourbon - litro 1 - 45° gradi
  • Four Roses Kentucky Bourbon - litro 1 - 16,9° gradi
  • Jack Daniel's 7 anni Tennessee Bourbon - litro 1 - 45° gradi
  • Jack Daniel's Gentleman Tennessee Bourbon - cl. 70 - 40° gradi
  • Jack Daniel's Ris. Frank Sinistra - Ediz. Limitata Tennessee Bourbon - lt.1 - 40°
  • Jack Daniel's Scene of Lynchburg No.10 - 7 anni - Tennessee Bourbon - lt.1 - 40°
  • Jack Daniel's Single Barrel Tennessee Bourbon - cl. 70 - 45° gradi
  • Jim Beam Kentucky Bourbon - litro 1 - 40° gradi - Rye whisky
  • Jim Beam RYE - cl.70 - 40° gradi - Rye whisky
  • Knob Creek 9 anni Kentucky Bourbon - cl.70- 50° gradi - Rye whisky
  • Maker's Mark Kentucky Bourbon - cl.70 - 45° gradi
  • Old Grand Dad Tennessee Bourbon - cl.70 - 43° gradi
  • Old Overholt Rye Whiskey (100% segale) Kentucky Bourbon - lt.1 - 40° gradi
  • Wild Turkey 101 Kentucky Bourbon - litro 1 - 50,5° gradi
  • Wild Turkey 81 Kentucky Bourbon - cl.70 - 40,5° gradi
  • Wild Turkey Rare Breed Kentucky Bourbon Barrel Proof - cl.70 - 54,1° gradi
  • Woodford Reserve (btg.numerata) Kentucky Bourbon - cl.70 - 43,2° gradi - Bourbon



Canadian Whisky

  • Crown Royal Canadian Whisky - litro 1 - 40° gradi
  • Canadian Club Canadian Whisky - cl.70 - 40° gradi



Whisky Giapponesi

Simile all'omonino distillato proveniente dalla Scozia, viene prodotto seguendo fedelmente le regole disposte dal disciplinare scozzese. La produzione su larga scala di questo distillato si deve all'impegno di un farmacista giapponese Shinjiro Torii e al suo collaboratore Masataka Taketsuru (considerato il vero padre dei whisky giapponesi).

Masataka Taketsuru

Fino agli inizi di questo secolo, il distillato erano destinato unicamente al mercato domestico in quanto non reputato idoneo a confrontarsi con l'originale scozzese, poi grazie al conseguimento dell'importantissimo premio "Best of the Best" ai Whisky Magazine's Awards ha attirato l'attenzione degli appassionati internazionali. I premi ottenuti da allora si sono moltiplicati, tant'è che in diverse occasioni questi distillati giapponesi hanno superato gli originari scozzesi.

Negli anni recenti la richiesta di whisky giapponese è letteralmente esplosa e per soddisfare la richiesta dei mercati internazionali accanto alla pioniera distilleria di Yoichi nel nord di Hokkaido (costruita appositamente in luogo per il clima e per i terreni abbastanza simili agli scozzesi) sono sorte molte altre distillerie, come la distilleria Yamazaki e Hakushu (proprietà Suntory), Miyagikyo/Sendai (propr. Nikka), Fuji Gotemba (prop. Kirin), Karuizawa (propr. Mercian/Kirin), Shinshu (propr. Hombo), Distilleria White Oak (propr. Eigashima Shuzou).



Di seguito la nostra selezione di whisky giapponesi:



  • Hibiki Suntory - cl.70 - 43° gradi
  • Akashi White Oak - cl.50 - 40° gradi
  • Akashi Blended - cl.50 - 40° gradi
  • Akashi Meisei - cl.50 - 40° gradi
  • Yamazakura blended - cl.50 - 40° gradi
  • Nikka From The Barrel - cl.50° - 51,4° gradi
  • Nikka Pure Malt White (morbido) - cl.50 - 43° gradi
  • Nikka Pure Malt Black (torbato) - cl.50 - 43° gradi
  • Nikka Coffey Malt - cl.70 - 45° gradi
  • Nikka All Malt - cl.70 - 40° gradi
  • Nikka Super Rare Old - cl.70 - 43° gradi
  • Taketsuru Nikka - cl.70 - 43° gradi







Distilleria Yamazaky Suntory - Giappone


Alambicchi e botti di quercia giapponese - Distilleria Yamazaky Suntory


mappa Distillerie whisky giapponesi



Liquori a base di whisky



  • Drambuie - Liquore con whisky scozzese e miele - lt.1 - 40° gradi
  • Irish Mist - Liquore con whisky irlandese e miele - cl.70 - 35° gradi
  • Southern Comfort - Liquore statunitense a base di Tennessee Bourbon - lt.1 - 35° gradi




Prezzi e disponibilità da richiedere in enoteca.
Per contatti tramite email scrivete a enoteca@vinicolarotondi.it
oppure telefonateci al numero 02/66.84.293

PER RICHIEDERE INFO
clicca qui

 

PER ORDINARE
clicca qui

Wilson & Morgan Barrel Selection - Collector's Edition
Port Ellen 30 anni (1982/2012)
Bunnahabhain 38 anni
(1973/2012) Sherry Wood
Glen Livet 36 anni
(1975/2012) Sherry Wood
Caol Ila 27 anni (1983/2011)



Una selezione superiore dedicata ai single malt più rari e memorabili. Whisky vecchi anche fino a 50 anni, irripetibili, talvolta provenienti da distillerie ormai perdute: il meglio del meglio. Rarissime gemme da degustare con riverenza prima che siano perdute per sempre nelle nebbie del tempo e da conservare gelosamente. Edizioni limitatissime da botte singola, sempre a gradazione piena, in bottiglie numerate al laser come garanzia di autenticità, confezionate in lussuosi cofanetti in legno, da collezionare o regalare a veri appassionati e intenditori.


Wilson & Morgan
Classic Barrel Selection





Un’ideale introduzione al mondo dei single malt artigianali, alla scoperta dei diversi stili regionali, del gusto genuino della tradizione e dell’atmosfera della vera Scozia, in una gamma base, dal costo accessibile, con invecchiamenti compresi fra i 10 e i 18 anni. Tutte le espressioni di questa selezione sono imbottigliate senza filtraggio a freddo, né aggiunta di coloranti, con gradazioni fra 46% e 50%. Alcune di esse sono sottoposte ad un'ffinamento in botti di Sherry, Porto o Marsala per esaltarne gli aromi ed offrire, per ogni annata, una selezione variegata e stimolante.


Glossario per comprendere le caratteristiche dei whisky

  • Bourbon Barrel: significa che il whisky è stato completamente invecchiato in piccole botti da 200 litri di primo passaggio, che preventivamente contenevano Bourbon.
  • Sherry Wood: in questo caso il whisky è stato completamente invecchiato in botti di primo passaggio, che preventivamente contenevano Sherry.
  • Refill Sherry: significa che il whisky è stato completamente invecchiato in botti di secondo passaggio, che preventivamente contenevano Sherry.
  • Finish: questo termine indica che il distillato ha subito il passaggio finale (12-18 mesi) in botti, che preventivamente contenevano Porto, Marsala, Armagnac, Sherry, ecc.
  • Cask Strength: la gradazione naturale del whisky senza aggiunta d’acqua.
  • Extra Strength: indica un distillato dalla gradazione elevata.
  • Botte: in genere sono utilizzate botti da 500 litri. Per l'affinamento si ricorre a botti da 250 litri chiamate Hogshead e botti da 200 litri denominate Barrel.


Islay, Speyside, Highlands: dove e come nasce lo scotch whisky

Distilleria Bunnahabhain - Islay - Scozia


Whisky
brevi cenni informativi sul distillato anglosassone per eccellenza
- video -

Si tratta di una bevanda alcolica, ottenuto dalla distillazione di vari cereali ed invecchiato in botti di legno di quercia, cioè il rovere. I cereali utilizzati (l'orzo per la maggior parte) vengono fatti germinare e trasformati in malto. La terminologia "whisky" deriva dalla modifica inglese del gaelico "uisge beatha", che significa "acqua vite". I whisky più rinomati sono quelli scozzesi, dove si producono due categorie di acqueviti diverse: whisky di malto ricavato dalla distillazione di solo orzo (operata solitamente con alambicco discontinuo) e il blended whisky ottenuto dalla miscelazione di whisky di cereali (distillato con alambicco continuo) con whisky di malto. Accordi internazionali riservano l'utilizzo del termine Scotch whisky solo a quelli prodotti in Scozia, obbligando i produttori di altre regioni, che utilizzano lo stesso stile di produzione, a dotarsi di nomi differenti. Analoghe convenzioni sono utilizzate nei confronti di Irish whiskey e Canadian whiskey.


Il single malt whisky:

è il più antico. Viene prodotto da singole distillerie ed imbottigliato come tale. Gli ingredienti utilizzati sono orzo maltato puro, acqua e lieviti. L'orzo in molti casi viene affumicato con fuoco di torba durante la fase finale del maltaggio. L'intensità del fumo rende il whisky più o meno torbato. Si utilizzano esclusivamente alambicchi tradizionali (metodo discontinuo) con duplice distillazione. Una sola distilleria, la Auchentoshan, distilla tre volte il proprio prodotto di malto scozzese. Generalmente, è indicata l'età minima di invecchiamento in barili di rovere usati in etichetta.


Blended scotch whisky:

il 95% del whisky di malto prodotto nelle 116 distillerie esistenti in Scozia è destinato al blending, soltanto la restante parte viene commercializzata come single malt whisky. Molti definiscono il blending un'arte, in effetti in questa fase l'uomo assume il ruolo di protagonista, scegliendo i malti che devono entrare a far parte della miscela e stabilendo per ciascuno di essi la giusta quantità. Un blended whisky non nasce tra l'incontro di un malto e di un distillato di cereali, ma dal matrimonio di diversi single malt whisky (da quindici fino a quaranta) con uno o più whisky di cereali. La scelta dei malti, del loro numero e della loro dose sta tutta al fiuto del master blender, il maestro addetto alla miscelazione. Se nel blending la quantità di whisky di malto impiegata supera il 40%, il distillato viene classificato come super premium; se invece tale dose si aggira tra il 30% e il 40 %, il whisky è un premium. Il whisky classificato come special, contiene una dose di malto che non supera il 30%. Ci sono poi dei whisky chiamati first and second category, venduti normalmente nei supermercati, le cui percentuali di malto non superano rispettivamente il 20% e il 10%.


Irish whiskey:

si ottiene con gli stessi ingredienti dello scotch whisky, ma si differenzia per la triplice distillazione, una in più rispetto allo scozzese. Si producono blended (miscela di distillati di vari cereali) e single malt (ottenuti da solo orzo maltato). Una ulteriore differenza tra l'Irish lo Scotch whisky si può identificare nel processo di maltaggio (malting) in quanto i forni per l'essiccazione a torba in Irlanda sono tendenzialmente "chiusi" e cioè non lasciano passare il fumo prodotto dalla torba. Viene a volte utilizzata antracite, che, contenendo pochi materiali volatili, non produce fumo. Inoltre, il cereale di base viene solo schiacciato e non macinato e al termine dell'infusione il mosto viene fatto passare attraverso le bucce del cereale che nel frattempo sono precipitate sul fondo del tino, acquistandone il gusto. La distillazione avviene solo in alambicchi tradizionali, ma di grandi dimensioni, fino a 750 ettolitri. È inoltre più spinta e il whiskey, prima di essere miscelato con acqua, arriva a 86 gradi alcolici. Viene per legge fatto invecchiare almeno 5 anni (anzichè i 3 di base degli scozzesi), ma i migliori arrivano a dieci e quindici, perlopiù in botti già usate per l'invecchiamento di Sherry. Anche se da qualche anno esistono Irish whiskey blended, il vero whiskey irlandese è puro, colorato al caramello e allungato con acqua distillata sino a raggiungere i 40 gradi alcolici. Gli irish whiskey sono quindi caratterizzati da un gusto più dolce e morbido rispetto a quelli scozzesi e subiscono cambiamenti di aroma molto meno marcati durante l'invecchiamento. Spesso sono più invecchiati e vengono utilizzati per la produzione di un tipico liquore irlandese di sapore dolce chiamato Irish Mist (miscela di miele, erbe e altri liquori).


Bourbon whiskey:
è un termine con il quale si identifica il whiskey prodotto negli Stati Uniti per fermentazione e distillazione di grano, segale e malto d'orzo e che deve il nome alla contea omonima del Kentucky, dove storicamente ne fu iniziata la produzione.

Rye whiskey:

è una varietà di whiskey statunitense. La base del rye whiskey negli Stati Uniti d'America è costituita per legge per almeno il 51% da segale (in inglese rye appunto) con aggiunta di altri cereali, mentre in altri paesi, come ad esempio il Canada, il rye whiskey può essere prodotto senza impiego di segale. Si presenta di colore biondo pallido con gradazione alcolica del 43%. Era particolarmente diffuso negli stati della Pennsylvania e Maryland, ma dopo il proibizionismo la sua produzione calò drasticamente diventando un prodotto di nicchia.
Presenta gusto ed aroma grezzi e crudi ed è tra i più economici. Viene utilizzato come ingrediente principale per la preparazione del cocktail Manhattan. Si presta ad un invecchiamento molto modesto in fusti nuovi e bruciati internamente.

Canadian whiskey:
il classico metodo di produzione del Canadian whisky è la distillazione separata di un distillato composto da segale e altri cereali in alambicco tradizionale o distillatore continuo unito poi, ad un distillato ad alta gradazione, prodotto con metodo continuo utilizzando frumento o mais. Il blending può avvenire con molte qualità di whisky. Invecchia in barili vecchi e nuovi.


Whisky o Whiskey, quale la differenza?

I whiskey di malto irlandesi ed il whisky di malto scozzese condividono una lunga storia e percio' presentano parecchie somiglianze nel processo di produzione. Tuttavia, oltre che per l'inserimento di una "e" nel termine whiskey, essi differiscono per almeno altri due aspetti importanti:

  • la mancanza del gusto di affumicato nel whiskey di malto. In Scozia, l'orzo maltato viene a contatto con il fumo mentre viene fatto asciugare, acquistando così un gusto decisamente affumicato, grazie alla torba. In Irlanda, il malto viene tradizionalmente fatto asciugare in forni chiusi senza alcun contatto con il fumo di torba. La totale assenza di gusto affumicato nel whiskey di malto irlandese consente ai sottili aromi di malto e di miele di emergere.
  • Il whisky di malto irlandese prevede la triplice distillazione, mentre lo scotch whisky è generalmente distillato due volte, una sola volta il Bourbon americano. In Irlanda la distillazione viene eseguita tre volte per rendere il prodotto finale più puro e morbido al palato.




LE FASI DI PRODUZIONE


Malting, ovvero la produzione del malto
L'orzo, di prima qualità, viene prima macerato in acqua e poi steso su speciali pavimenti a germinare. Viene poi voltato con regolarità, per prevenire il surriscaldamento. La tradizione prevede che questo compito sia eseguito in un edificio vicino alla fornace e rivoltando l'orzo nell'aria con pale di legno. Durante questo processo si creano nuovi enzimi che, al momento dell'infusione, trasformano l'amido in zuccheri. Dopo un periodo che può variare dai sei ai sette giorni, l'orzo, chiamato ora
malto verde, viene messo ad essiccare in una fornace. Il calore arresta la germinazione e il fumo prodotto conferisce il suo tipico aroma.






Mashing, l'infusione.

Il malto essiccato viene macerato e trasformato in una sorta di farina grossolana; successivamente viene miscelato con acqua a 67 gradi, mentre viene versato nel tino di infusione. La purezza dell'acqua scozzese e le sue particolari caratteristiche sono di grande importanza. Per tale motivo, le distillerie sorgono sempre in prossimità di fonti, di cui utilizzano le acque. Questa miscela viene poi rimescolata facilitando così la trasformazione degli amidi in zuccheri. Dopo l'infusione, al liquido zuccheroso prodotto viene dato il nome di mosto (worth). L'orzo ormai esaurito viene trasformato in mangime per il bestiame.






La fermentazione

Il mosto raffreddato a 20 gradi viene pompato in grandi recipienti di fermentazione dove viene aggiunto lievito. Inizia così il processo di fermentazione. Il lievito si nutre degli zuccheri trasformandoli in alcool e produce piccole quantità di altri composti che contribuiscono ad aromatizzare il distillato. Durante il processo di lievitazione viene generata una grande quantità di anidride carbonica e il mosto fermentato ribolle producendo moltissima schiuma, che pale rotanti rimescolano per evitare il traboccamento. Dopo circa due giorni, la fermentazione è esaurita e il mosto fermentato contiene dal 7 al 9 % di alcool in volume.



Distillazione, passaggio in alambicco

La forma dell'alambicco influisce sul carattere del whisky di malto e ogni distilleria mantiene il modello dei propri alambicchi immutato nel corso degli anni. Durante la distillazione, l'alambicco viene riscaldato fino a 86 gradi centigradi. L'alcool e gli altri composti evaporano e, passando attraverso il collo dell'alambicco, raggiungono un condensatore o una grande serpentina di rame, immersa in acqua corrente fredda, dove il vapore si ricondensa in liquido. Per prassi, il mosto fermentato viene distillato 2 volte in Scozia e 3 volte in Irlanda. La prima distillazione avviene in alambicco, dove l'alcool viene separato dall'acqua, dal lievito e dal residuo liquido (la cui componente solida verrà reciclata come mangime). Il primo distillato, che contiene circa il 20% di alcool in volume, passa poi in un altro alambicco, per la seconda distillazione. I composti più volatili (che evaporano per primi) insieme all'ultima parte del prodotto distillato (costituita di composti più oleosi) vengono mescolati ai low wines della partita successiva e distillati nuovamente. Solo la porzione mediana, che contiene circa il 68% di alcool in volume, viene raccolta in un recipiente di sicurezza. Il nuovo distillato, incolore e ad alta gradazione alcoolica (ridotta per l'invecchiamento al 63% di alcool in volume) viene messo in barili di rovere, pronto per invecchiare.


Maturazione o invecchiamento.
Durante l'invecchiamento lo scotch whisky diviene più morbido e profumato e prende il colore del legno della botte. Una parte di alcool si trasforma in esteri e in altri complessi composti che accrescono le caratteristiche distintive di ogni whisky. Per legge tutti i whisky devono essere invecchiati per almeno tre anni, ma la maggior parte dei whisky di puro malto viene lasciata nelle botti per otto, dodici o anche quindici anni. Ogni anno dell'invecchiamento circa il 2% del whisky contenuto in ogni botte evapora; questa percentuale è chiamata the "spirit of angels". Il clima è fondamentale nel determinare le caratteristiche del whisky, che è influenzato in modo differente a seconda della locazione dei magazzini di invecchiamento, se questi sono edificati sulle coste o sulle isole lo scotch whisky, durante l'invecchiamento in barile, sarà influenzato dal salmastro marino. Diversamente, quello che matura nello Speyside, nelle Highlands, ha caratteristiche acquisite dall'aria pura e ricca di odori di terra, mentre il clima più mite delle Lowlands contribuisce alla creazione di whisky da sapori più delicati. A differenza del vino, il whisky non subisce un ulteriore invecchiamento una volta imbottigliato.




Le Barrels.
Sono le botti per l'invecchiamento, sono in legno di quercia, cioè in rovere, solitamente dell'età di 80/100 anni. Ne esistono di due tipi: in rovere europeo (spagnolo) o in rovere americano. Il risultato finale della maturazione in botte dipende dal tipo di legno utilizzato, ma soprattutto da ciò che era stato contenuto nella botte. Quasi tutte le botti utilizzate per la produzione di whisky erano state precedentemente impiegate anche per la produzione di bourbon, sherry, madera o porto ed emanano quindi gli aromi derivanti da questi liquori. Un barile che ha contenuto bourbon whiskey donerà al single malt, durante la sua permanenza nel barile, un colore dorato, carico di aromi e gusti dolci tipici del mais (il principale ingrediente nella produzione del whiskey americano). Un barile spagnolo invece, porterà ad un colore più marcato, ambrato, nonchè aromi e gusti particolarmente persistenti, ricchi e caramellati. La velocità di maturazione dipende molto dalle dimensioni delle botti; in genere minore è la dimensione, maggiore sarà la velocità di maturazione. Tuttavia, non tutti i malti si comportano allo stesso modo: quelli delle Highlands o di Islay maturano più lentamente e sono più longevi, al contrario i Lowland e i Campbeltown si evolvono più rapidamente.




Imbottigliamento e filtratura
Terminato il periodo di maturazione, lo scotch whisky è solitamente allungato con acqua per portare la sua gradazione alcolica a 40/45 gradi, per poi essere imbottigliato. In alcuni casi, viene commercializzato senza diluizione a una gradazione generalmente superiore ai 50 gradi, in questo caso la bottiglia porta la dicitura
"cask strenght" o "cask proof". Il processo di diluizione è direttamente collegato al processo di filtratura a freddo (chill filtration). L'abbassamento della gradazione senza filtraggio a freddo produce un distillato più torbido, anche a causa della glicerina. Il limite di gradazione sotto il quale viene fatto filtraggio a freddo è di 46°. Il filtraggio è comunque un processo abbastanza invasivo che toglie sostanze ed aromi allo scotch whisky.




Come degustarlo? Ecco qualche consiglio


L'acqua, è il principale elemento che esalta il sapore dello scotch whisky. Il gusto del distillato cambia sostanzialmente con l’aggiunta di acqua, se si prova prima puro e poi diluito, si percepisce la differenza. L’acqua deve essere la più neutra possibile e va bevuta prima, dopo, oppure insieme allo scotch whisky e serve a rompere i legami chimici interni e liberare quegli aromi imprigionati nel distillato. Si può arrivare a diluire il whisky fino ad un massimo di 1/5 di acqua. Si provi a bere un sorso di acqua fredda, tenendola sulla punta della lingua e bere poi un sorso di whisky, si esalteranno principalmente i sapori dolci e caramellati contenuti in alcuni Single. Questa accortezza permette, soprattutto nei primi sorsi, di non rimanere “storditi” dall'alta gradazione alcolica. Si raccomanda di annusare sempre prima di ogni sorsata, ciò sensibilizza il cervello a recepire gli stimoli gustativi della lingua e del palato, permettendo di apprezzare a pieno tutte le sfumature e i profumi del whisky (la nostra capacità olfattiva diminuisce moltissimo a seguito dell’assuefazione: dopo qualche secondo, l’intensità percepita decade in maniera nettissima, bisogna pertanto annusare in modo breve e ripetuto).

Cioccolato o formaggio,
ottimi abbinamenti per esaltarne il sapore. Gli accostamenti con il cioccolato amaro o, in alternativa, con del formaggio “duro” (sconsigliati quelli troppo invecchiati o saporiti) hanno la funzione di ripulire il palato dai sapori fuorvianti della cena o dall’assaggio di un altro whisky.



Il bicchiere più adatto ad esalterne il gusto, è senza dubbio quello a forma di "tulipano", col gambo corto, della capacità di un terzo di pinta (0,189 litri). In Scozio è chiamato “pony” o “drum”. Deve essere ovviamente trasparente per poter osservare attentamente il colore del distillato (più è bruno e scuro più è invecchiato) e le "occhiate" sul bordo (indice di oleosità e quindi di corposità). Contrariamente a quanto si vede nei film, il classico bicchiere largo “tumbler”, magari riempito di ghiaccio, è sconsigliato per gli scotch, può essere invece adatto a sorseggiare i Bourbon, i Tennessee whiskey o i Blended commerciali. Il ghiaccio non va utilizzato dato che ha la tendenza a “chiudere” gli aromi ed, essendo solitamente fatto con l’acqua del rubinetto, sciogliendosi rilascia cloro, rovinando completamente il gusto del distillato. Alcuni intenditori tra una sorsata a l’altra coprono il bicchiere con dei vetrini o più semplicemente con pezzi di carta, il sapore del whisky cambia infatti se esposto all’aria. Se si effettuano esami comparativi di più whisky, la quantità nei diversi bicchieri deve essere il più uniforme possibile, un livello più alto degli altri penalizzerà la concentrazione delle sostanze volatili, un livello più basso la faciliterà, creando differenti sensazioni di gusto.




Visita il nostro canale TV su
YOU TUBE
troverai tanti video sulle distillerie scozzesi
e sui loro Single Malts scotch whisky.


Per informazioni e consigli telefonate al n.02/66.84.293
o scriveteci
cliccando qui.

Il nostro esperto Signor Brando
vi risponderà in breve tempo.





Enoteca liquoreria VINICOLA ROTONDI
Piazza Lagosta n. 2 - 20124 Milano - Italy
Linee Telefoniche: 02/66.84.293 - 02/66.80.46.52

Apertura: da Lunedì a Sabato
Chiusura: Domenica e Lunedì mattina
Orari d'apertura: h.10:00/h.13:00 - h. 16:00/h.19:30


E-mail: enoteca@vinicolarotondi.it

Dove posso trovare a Milano scotch whisky scozzesi single malt rari e lungamente invecchiati? Dove posso acquistare i migliori blended, bourbons o rye whisky?
Dove posso comprare irish whisky o whisky giapponesi? Chi vende online le migliori selezioni di whisky del Mondo? Puoi trovare tutto questo presso la premiata enoteca Vinicola Rotondi, fondata a Milano nel lontano 1939.

Enoteca VINICOLA ROTONDI sas - P.IVA IT11015300152 - Copyright 2017 by Vinicola Rotondi - All rights reserved - Agg. al 08 ott 2017 - by I.Pancaldi

Torna ai contenuti | Torna al menu